I risultati dello studio SDA Bocconi sulla complessità.

Lo scorso 7 maggio sono stati presentati alla stampa i primi risultati dello studio condotto da SDA Bocconi in collaborazione con SAP sulle dimensioni di complessità aziendale nelle piccole e medie imprese italiane. I risultati sono il frutto di uno studio dei dati rilevati attraverso una web survey cui hanno partecipato numerose aziende.

ICM.S ha dato un contributo importante alla ricerca, diffondendone i contenuti presso i propri partner e collaboratori e sensibilizzandoli a parteciparvi. Una ppercentuale consistente dei dati raccolti proviene proprio dai nostri clienti, che vogliamo ringraziare per la disponibilità!

Ecco cosa si legge nel documento diffuso in conferenza stampa:

Vimercate — 7 maggio 2013   Sistemi informativi e struttura manageriale: questi gli elementi chiave in grado di aiutare le Piccole e Medie Imprese a gestire la complessità derivante dalla crescita, come rivelano i risultati di una ricerca realizzata da SDA Bocconi in collaborazione con SAP Italia e presentata oggi in anteprima a Milano.

 

Lo studio, dal titolo “Dimensioni di complessità aziendale e valore dei sistemi informativi”, parte dal presupposto che la complessità non sia prerogativa delle aziende di grandi dimensioni, bensì delle organizzazioni in crescita, come lo sono la maggior parte delle Piccole e Medie Imprese italiane. Crescere significa, infatti, dover gestire diverse dimensioni di complessità e, quindi, un numero di eccezioni che rendono difficile per il management anticipare le sfide da affrontare in futuro all’interno di un mondo imprevedibile. Inoltre, proprio in questo momento storico, le PMI vivono un contesto di complessità nuovo, legato sia alle esigenze internazionali che alle difficoltà del mercato nazionale.

 

La collaborazione tra SAP e SDA Bocconi si pone l’obiettivo di aiutare imprenditori e manager delle Piccole e Medie Imprese a identificare le dimensioni di complessità delle loro aziende e consentire di capire come i sistemi informativi possono supportarne la gestione.

 

La ricerca è stata condotta tra gennaio e aprile 2013 utilizzando tre diverse tecniche d’indagine su aziende fra i 50 e i 500 milioni di euro di fatturato:

  • tramite una Web Survey finalizzata a comprendere le principali dimensioni di complessità aziendale e quali soluzioni sono utilizzate per gestire tali dimensioni (campione di 200 aziende);
  • tramite lo studio di una serie di mini-casi aziendali utili ad approfondire le dimensioni di complessità aziendale e verificare quale contributo possa derivare da sistemi informativi estesi
  • tramite un’analisi qualitativa e approfondita di sette casi aziendali, fondamentali per capire quale valore, in termini di gestione della complessità, si possa trovare nell’implementazione di soluzioni applicative estese.

 

I risultati della ricerca, combinando evidenze quantitative e qualitative, rivelano alcune aree principali di complessità che le Piccole e Medie Imprese italiane si trovano a dover governare nel loro processo di crescita: assetti societari, struttura manageriale, assetto internazionale, strategie di crescita, dinamicità del business e modelli commerciali. Rispetto ad esse, l’analisi qualitativa condotta sui sette casi cliente evidenzia, nella specificità dei rispettivi business, le possibili risposte che queste imprese hanno individuato per affrontare e governare al meglio la complessità:

 

  • Assetti societari: un’impresa in crescita può trovarsi a dover governare un network di aziende internazionali che collaborano da diversi continenti per soddisfare una base clienti globale, trovando nei sistemi informativi uno strumento di supporto alla governance di tali realtà;
  • Struttura manageriale: l’entrata di manager indipendenti che supportano la proprietà nella gestione aziendale scatena l’esigenza di sistemi informativi utili sia per chi ha delega gestionale, sia per chi deve controllare l’operato dei nuovi dirigenti e promuoverne un’omogeneità di comportamenti;
  • Assetto internazionale: andare all’estero per produrre e vendere sui mercati locali è possibile se si dispone della strumentazione necessaria a controllare l’operato delle nuove realtà;
  • Strategia di crescita: le aziende che crescono non conoscono, oggi, ciò che servirà domani per gestire l’azienda. Un imprenditore ha segnalato che “la scelta di un sistema informativo, per un’azienda come la nostra, deve essere fatta non in base a ciò che si conosce, ma in base a ciò che non si è ancora capaci di fare
  • Dinamicità del business: nei settori meno prevedibili, come il largo consumo e il retail, le aziende stanno cercando strumenti che abilitino trasformazioni anche radicali nei modelli di produzione, distribuzione e commerciali, ;
  • Modelli commerciali: cosa accomuna un produttore di profili speciali in acciaio e un retailer? La scelta di operare secondo standard qualitativi di servizio di assoluta eccellenza, che impongono una profonda integrazione fra sviluppo e capacità di delivery dell’offerta.

[...]

 

Il campione quantitativo segnala di aver avviato nel 2012 o di prevedere per il 2013 interventi sui sistemi informativi (42% delle aziende) e sui processi aziendali (45% delle aziende). Un grande sforzo è partito nel 2012 o è stato fatto in passato sulle strutture manageriali e gli assetti organizzativi.

Più in generale”, come afferma Gianluca Salviotti, SDA Professor di Sistemi Informativi e autore della ricerca, “la scelta e l’utilizzo di soluzioni applicative estese è in genere un passaggio anticipato da interventi sulla struttura manageriale e sui processi aziendali, in un percorso ideale di gestione delle complessità che possono derivare da riassetti proprietari o societari e strategie di crescita internazionale”.

Il prossimo 16 maggio a Padova si terrà l’incontro con SDA Bocconi, SAP, ICM.S e le aziende che hanno partecipato alla ricerca. Un evento esclusivo in cui saranno presentati i dati e i risultati delle analisi, che daranno importanti indicazioni su come si muove il mercato e quali sono le complessità che le aziende devono affrontare con successo per poter affrontare efficacemente le sfide di domani.

Potete ancora iscrivervi all’evento, partecipando alla web survey e poi accedendo al form di registrazione. Scopri tutti i dettagli!

Pubblicato in News
ICM.S è su Facebook
Sedi ICM.S

TREVISO
Viale Della Repubblica, 12i
31020 Villorba (TV) – Italy
Tel. +39 0422 618 624 r.a.
Fax +39 0422 608 451

PADOVA
Via Longhin, 115
35129 Padova
Tel. +39.049.774402
Fax. +39.049.7806589

BOLOGNA
Via Ettore Cristoni, 80
40033 Casalecchio di Reno (BO)

MILANO
Centro Direzionale Torri Bianche
Torre Sequoia - 10° Piano
Via Torri Bianche 1
20871 Vimercate (MB) Italy
Tel. +39 039.6894008
Fax +39 039.6056381

FIRENZE
viale Montegrappa, 296
Prato (PO)
Tel. +39 0574.510911
Fax +39 0574.517033

ROMA
Via Mecenate, 59
00184 Roma
Tel. +39.06.48913077
Fax +39.06.48977042

Ethica Consulting Group

ICM.S è partner fondatore di Ethica Consulting, un gruppo di società che operano nel campo dell’Information Technology e che forniscono prodotti software, consulenza specialistica e servizi professionali alle imprese.


http://www.ethicagroup.it